Nuovo algoritmo Facebook: le strategie dei brand da mettere in atto

L'algoritmo di Facebook spesso sembra un mistero, no?

Di conseguenza, i marchi sono giustamente preoccupati della loro presenza sulla piattaforma.

Anche se non sei stato influenzato dalle recenti modifiche dell'algoritmo, probabilmente hai sentito parlare di brand che hanno visto ridurre drasticamente la loro portata organica. 

Ma le modifiche dell'algoritmo di Facebook non segnalano necessariamente problemi per i marchi.

In realtà non da molto tempo. Secondo l' indice sociale Sprout del 2019, nonostante le modifiche all'algoritmo di Facebook, Facebook è ancora al primo posto sia per gli esperti di marketing che per i consumatori

Le recenti statistiche di Facebook rilevano inoltre che la piattaforma produce uno dei migliori ROI per gli esperti di marketing quando si tratta di annunci social. Dato che i tuoi clienti sono già su Facebook, ci sono anche tutte le ragioni per cui sei lì.

La realtà? Sopravvivere al nuovo algoritmo di Facebook significa apportare alcune modifiche alla tua strategia di contenuti al fine di rafforzare la tua copertura organica. In questo articolo andremo a vedere 9 strategie di marketing consigliate da Sprout Social.

Come funziona l'algoritmo di Facebook attualmente?

L'algoritmo di Facebook controlla l'ordinamento e la presentazione dei post, in modo che gli utenti vedano ciò che è più rilevante per loro.

Invece di pubblicare cronologicamente i contenuti, i post e gli annunci vengono presentati in base a ciò che Facebook considera pertinente per te, l'utente.

Ogni volta che cambia la metodologia di Facebook, gli esperti di marketing tendono a farsi prendere dal panico.

Il cambiamento più significativo e radicale si è verificato all'inizio del 2018 quando Facebook ha annunciato il suo respingimento nei confronti dei contenuti di marca che hanno fatto sudare molte aziende. In un momento di trasparenza da parte di Mark Zuckerberg stesso, Facebook apparentemente ha lanciato la sfida contro gli esperti di marketing e i marchi in generale.

L'aggiornamento 2018 dell'algoritmo di Facebook è stato progettato per centrare i contenuti attorno agli amici e ai familiari delle persone, piuttosto che dare la priorità allo spam dalle aziende. Ciò ha messo in difficoltà aziende e marchi legittimi in quanto hanno dovuto adattare di conseguenza le loro strategie di marketing su Facebook.

Algoritmo di Facebook 2019 cambiamenti e pietre miliari

Avanti veloce ai giorni nostri e l'algoritmo di Facebook è ancora in evoluzione. Di seguito è riportata una breve istantanea di alcune delle modifiche apportate da Facebook nel 2019.

Aggiornamento "Perché vedo questo post?"

A partire da marzo 2019 , Facebook ora fornisce il contesto per cui gli utenti visualizzano determinati post e annunci organici. Ciò segnala ulteriormente la necessità che i marchi  incoraggino le interazioni dei follower.

In termini di impatto sulle pagine aziendali, ecco cosa ha detto Facebook:

"Queste modifiche non intendono mostrare più o meno pagine o amici. Piuttosto, i collegamenti alle pagine che vengono mostrati alle persone saranno quelli che ritengono meritevoli di tempo - e i post degli amici verranno dagli amici che la maggior parte delle persone desidera ascoltare ”.

Il risultato di questi sforzi è che i like Facebook, i commenti e qualsiasi altra forma di coinvolgimento sono tutte preziose valute per i marchi che vogliono essere considerati rilevanti per i loro follower.

9 strategie di marketing per non farsi sbaragliare dall'algoritmo di Facebook 

Questi cambiamenti in corso indicano tutti come l'algoritmo di Facebook costringe i marchi ad adattarsi.

Questo potrebbe essere scoraggiante, ma non dovrebbe diminuire l'importanza di Facebook per i tuoi sforzi sociali.

Nell'ambito dell'obiettivo del nuovo algoritmo di favorire interazioni più autentiche, i marchi dovrebbero promuovere contenuti di qualità che guidano interazioni e condivisioni reali.

Ma come lo fai accadere? Di seguito sono elencate 9 strategie attuabili per mantenere il tuo marchio nelle buone grazie dell'algoritmo di Facebook.

1. Pubblica i tuoi post Facebook con una tempistica perfetta

L'algoritmo di Facebook dà la priorità ai post che ricevono coinvolgimento, motivo per cui il tempismo dei tuoi post è così importante.

Per massimizzare il coinvolgimento, i marchi dovrebbero sforzarsi di attenersi a un calendario dei contenuti che attinge ai momenti migliori per pubblicare sui social media.

E a proposito, Sprout ti consente di pianificare i tuoi post di Facebook in base a quando è più probabile che vincano il maggior coinvolgimento. Ciò si traduce in una seconda ipotesi del "quando" del tuo post, incoraggiando al contempo quelle interazioni così importanti.

 2. Trasforma il video in una pietra miliare della tua strategia di contenuti

L'hai sentito un milione di volte prima e lo diremo di nuovo: è ora o mai per gli esperti di marketing salire sul carrozzone video.

Facebook stesso ha notato che i contenuti video favoriscono un maggiore coinvolgimento e interazioni da parte degli utenti rispetto a qualsiasi altro tipo di contenuto sulla piattaforma. Nel frattempo, un recente aggiornamento della classifica dei video porta ulteriormente a casa l'importanza del video nativo su Facebook.

Perfetto per iniziare conversazioni e mantenere gli occhi dei tuoi fan incollati alla pagina, i marketer di tutte le forme e dimensioni possono incorporare video su Facebook. Non è nemmeno necessario creare contenuti commerciali a budget elevato.

La piattaforma esorta inoltre i creatori ad abbracciare Facebook Live per creare contenuti interessanti e in tempo reale per il loro pubblico. Il fatto che i video in diretta producano notifiche che inviano ping a fan e follower è un ulteriore vantaggio per aiutare anche i tuoi video a distinguersi.

Che si tratti di un vlog fuori dal comune o di un tutorial pratico, il video live rappresenta un potente mezzo per i marchi di oggi.

Considera anche che puoi creare semplici video in loop.  Video di dimensioni ridotte  possono essere creati in pochi secondi ma riescono comunque ad ottenere molte views Facebook.

In questo caso, non si tratta di superare in astuzia l'algoritmo di Facebook, ma di dare alla piattaforma esattamente ciò che vuole. Dopotutto, Facebook premia la portata organica dei post che stimolano la discussione e attirano l'attenzione degli utenti.

Con così tante opzioni disponibili e Facebook che cerca esplicitamente più contenuti visivi, la creazione di più video è un gioco da ragazzi.

3. Promuovi le discussioni prima di eliminare i link

Come parte del più recente aggiornamento dell'algoritmo di Facebook, la piattaforma sta ora punendo i marketer che cercando di raggirare il sistema.

Ad esempio, Facebook ha esplicitamente penalizzato i post considerati come esca di fidanzamento. Anche se i post che chiedevano apertamente commenti, tag o Mi piace erano una volta la norma, Facebook ora li riconosce come spam.

Sebbene ci sia ancora tempo e spazio per questi tipi di post, i marchi dovrebbero sforzarsi di avviare conversazioni con i clienti senza essere sfacciati. Facebook vuole che creiamo contenuti che promuovano la discussione, a condizione che troviamo modi creativi per realizzarlo.

I marchi dovrebbero anche provare a pubblicare contenuti che siano degni di dibattito, se del caso. I contenuti controversi possono fare proprio questo, anche se i marchi dovrebbero stare attenti a non correre il rischio di offendere o alienare il pubblico (contenuto apertamente politicamente o "shock").

Un recente studio di Sprout Social ha scoperto che se il tuo pubblico non è d'accordo con la tua posizione su questioni sociali e politiche, avrà meno probabilità di acquistare da te o raccomandare il tuo marchio ad altri.

Ricorda: più sei in grado di far parlare le persone, più è probabile che l'algoritmo di Facebook mostri i tuoi contenuti in modo organico.

4. Incoraggia i dipendenti e i sostenitori del marchio a spingere i tuoi contenuti

La chiave per superare l'algoritmo di Facebook è stata sotto il naso fin dal giorno in cui hai iniziato a fare marketing sulla piattaforma. Eppure molti marchi lo trascurano: i tuoi dipendenti.

La difesa dei dipendenti non è mai stata così rilevante come non lo è oggi. Dal momento che Facebook sta dando la priorità ai contenuti di amici e parenti rispetto alle aziende, questo è il momento perfetto per iniziare il programma di advocacy dei dipendenti o rivederlo se ne hai già uno.

La portata della tua pagina Facebook è già in qualche modo limitata dal numero di fan / follower che hai. E quando affronti queste nuove modifiche all'algoritmo, il numero di persone che vedono i tuoi contenuti verrà ridotto ancora di più.

Incoraggiare il tuo team a condividere i tuoi contenuti con le loro reti su Facebook amplifica immediatamente la tua portata. Non solo, ma poiché i post provengono da amici e parenti anziché dal tuo marchio, le persone avranno una probabilità 16 volte maggiore di leggerlo effettivamente .

La sfida è convincere i dipendenti a condividere i tuoi contenuti. Spesso, basta inviare una e-mail chiedendo alle persone di condividere un articolo della tua azienda non è sufficiente. Richiede troppo tempo e sforzi per andare su Facebook, digitare un messaggio e condividerlo. Inoltre, alcuni dipendenti dimenticheranno di condividere e non controlleranno mai più l'e-mail.

Ecco perché è utile avere una piattaforma di difesa dei dipendenti come Bambu.

Bambu rende molto semplice curare i contenuti che i tuoi dipendenti possono condividere sulla loro pagina Facebook personale. Puoi fornire informazioni di base su ciò che riguarda il contenuto e fornire messaggi suggeriti da includere nei loro post.

Inoltre, ogni volta che i dipendenti accedono, vedranno un flusso di contenuti consigliati da condividere, che consente loro di pubblicare sul proprio tempo.

5. Dai la priorità alle foto e ai tag su collegamenti esterni

La saggezza convenzionale ci dice che Facebook preferisce i marchi che mantengono i contenuti sulla loro piattaforma rispetto al solo collegamento fuori sito.

In effetti, la pratica di Facebook di de-enfatizzare i collegamenti e preferire i propri contenuti nativi non è un segreto, specialmente nel caso dei video.

Certo, non sparirai completamente dai feed dei tuoi follower pubblicando link. Detto questo, mantieni aggiornato il tuo feed con diversi tipi di contenuto. 

Ad esempio, i contenuti visivi vanno di pari passo con le migliori pratiche di Facebook ottenendo l'87% di coinvolgimento in più. Ecco perché ogni post dovrebbe essere accompagnato da una sorta di immagine, sia essa un'infografica, .gif o un'immagine altrimenti strabiliante.

Hai anche la possibilità di rinforzare le tue descrizioni tramite hashtag o gridare un'altra pagina, entrambe le quali possono espandere ulteriormente la tua portata.

Ancora una volta, il tuo fine del gioco è incoraggiare il coinvolgimento.

6. Rendi unico ogni post su Facebook

Dato che i marchi dovrebbero pubblicare costantemente su Facebook giorno dopo giorno, è normale che le aziende esauriscano i propri contenuti per promuovere.

Ciò alla fine porta i marchi a ripetersi pubblicando gli stessi pezzi più e più volte o non ottenendo abbastanza chilometraggio dal loro contenuto pubblicando una sola volta.

La soluzione?

Per cominciare, considera la possibilità di creare descrizioni uniche per i tuoi post al fine di reintrodurli ai tuoi follower senza diventare ripetitivi. Dove potresti aver usato un preventivo la prima volta, puoi cambiare le cose con un tag o una domanda la seconda o la terza volta.

Un'altra strategia per reintrodurre pezzi più vecchi nel tuo feed senza ripeterti è quella di riutilizzare i contenuti.

Ci sono tonnellate di strumenti di Facebook che possono aiutarti a trasformare i tuoi pezzi in qualcosa di totalmente nuovo in pochissimo tempo.

Ad esempio, puoi trasformare una citazione da un articolo in un grafico personalizzato utilizzando Canva o Adobe Spark . Allo stesso modo potresti riutilizzare un post di blog in un video usando Lumen5 o Animoto .

Con la pianificazione sociale tramite Sprout, puoi creare un calendario dei contenuti personalizzato che ti aiuta a tenere traccia di quali tipi di contenuti pubblichi anche su Facebook.

7. Inizia conversazioni nei gruppi di Facebook

Il calo segnalato nella copertura della pagina Facebook, con alcune fonti che citano una copertura organica del 2% nel 2018, è senza dubbio il più grande colpo dell'algoritmo per gli esperti di marketing.

Questo significa che dovresti rinunciare totalmente alla pagina Facebook del tuo marchio?

Assolutamente no, ma spiega perché molti marketer stanno migrando verso i gruppi di Facebook . Essendo fan e follower essenzialmente "opt-in" per un gruppo e si impegnano in discussioni al suo interno quando si uniscono. In un certo senso, i clienti che si uniscono al tuo gruppo sono probabilmente i più propensi a interagire con i contenuti del tuo marchio.

Per gli esperti di marketing focalizzati sulla risoluzione dei problemi e l'educazione delle comunità, i gruppi potrebbero essere più adatti ai tuoi punti di forza piuttosto che iniziare una Pagina da zero.

8. Restringi il targeting per pubblico

La bellezza di Facebook è la capacità di concentrarsi sul tuo pubblico.

Se hai un pubblico diffuso, considera di restringere il pubblico in base a interessi o geografia. Facebook ( e Sprout ) ti dà la possibilità di impostare queste preferenze e restrizioni per post. Sebbene questo inizialmente possa restringere la tua portata, di conseguenza può aumentare il tuo coinvolgimento. 

Un buon caso di questo è se sei un'azienda nazionale che ospita eventi in più città. A quelli di Roma potrebbe non interessarti che tu stia organizzando un evento a Milano.

Limitare il pubblico esclusivamente ai fan di Roma significa che devi servire il posto solo a quelle persone che effettivamente parteciperebbero. Ciò aumenta la probabilità di un maggiore coinvolgimento in tali posti. Per approfondire leggi: Come promuovere un evento su Facebook

9. Investi nella promozione a pagamento su Facebook

Anche se i marchi dovrebbero certamente concentrarsi sul miglioramento della loro portata organica, non si può negare il potere degli annunci di Facebook.

Le buone notizie?

I dati ci mostrano che gli annunci di Facebook producono un ROI straordinariamente positivo con il 93% dei marketer già a bordo. 
Associare i tuoi sforzi organici con le pubblicità di Facebook può darti il meglio di entrambi i mondi. La scritta è apparsa sul muro perché i marchi adottino Facebook come una piattaforma "pay to play" , quindi sperimentare annunci ora è una buona idea a lungo termine.

Per saperne di più puoi leggere: Come aumentare la visibilità degli annunci Facebook in 5 mosse

E con ciò, concludiamo la nostra lista!

Conclusione

Piaccia o no, l'algoritmo di Facebook in continua evoluzione richiede ai marchi di ripensare le proprie strategie di contenuto.

Adattarsi a questo tipo di cambiamenti è la natura del social marketing nel suo insieme.

E gli esperti di marketing che sono in linea con le migliori pratiche di Facebook hanno maggiori probabilità di essere ricompensati dalla portata.

Hanno parlato di noi

adnkronos logo yahoo libero tiscali sanremo news

Scarica la rassegna stampa

Acquistare fan pagina Facebook Servizi di marketing e SEO professionale Aumenta le visualizzazione dei tuoi video e canali Youtube Realizzazione siti web Joomla professionali Acquista followers per il tuo profilo Instagram 
Rivendi servizi di marketing di alta qualità playspotify Servizi di social media marketing professionali Vendita Fan Facebook Italiani e Reali sviluppo siti web wordpress